istituto zaccagnini

Istituto Benigno Zaccagnini

istituto zaccagnini

Che cos’è l’Optometria?

L’Optometria è una disciplina che riunisce un insieme di conoscenze di fisica ottica, oftalmica e fisiologica, delle neuroscienze, di tecniche specifiche e di protocolli riabilitativi. L’optometria ha come campo di applicazione il trattamento dei difetti visivi per il miglioramento delle funzionalità visive mediante l’utilizzo di tecniche non mediche, che escludono cioè l'uso di farmaci e di interventi chirurgici.

L’esercizio dell'optometria

Coloro che svolgono la professione optometrica in Italia sono ottici abilitati che hanno seguito un corso di specializzazione in optometria presso un Istituto Statale, Regionale o Privato, oppure hanno conseguito un titolo di laurea in optometria. L’Optometria tratta i difetti visivi con mezzi ottico-fisici o con terapie riabilitative con l’obiettivo di migliorare le funzioni ed abilità visive con tecniche non mediche, senza cioè l'uso di farmaci e di interventi chirurgici.

 

Perchè specializzarsi in optometria

Il degrado del quadro economico che si è messo in atto nel 2008 ha investito anche la distribuzione ottica che si trova a fronteggiare situazioni nuove. La messa in atto di misure che possono contrastare questo andamento è affidata a due leve strategiche in grado di migliorare la competizione con la concorrenza ed acquisire nuovi clienti. Queste leve in teoria sono quelle del prezzo e della professione, ma per l’ottico indipendente l’unica soluzione percorribile è quella di un ampliamento e miglioramento della propria professionalità tale da essere percepito dai clienti e diventare fattore competitivo. Poiché tutti concordiamo che la formazione di base non offre una formazione optometrica completa, per adeguare la cultura, le abilità e le competenze al nuovo scenario è necessario frequentare Corsi di specializzazione in Optometria ben strutturati e realizzati da istituzioni di decennale esperienza la cui mission è costituita dalla formazione e dall’istruzione come l’Istituto B. Zaccagnini.

Share by: